Tania Campisi. Infinito arcobaleno

“Infinito Arcobaleno” di Tania Campisi
a cura di Marco Rinaldi

Dal 19 al 29 novembre 2015

“Lo stupore di passeggiare in un agrumeto e lasciarsi sfiorare dalle foglie. Lo stupore di un bambino che alzando gli occhi vede un soffitto da cui pendono ciliegie di marzapane. Lo stupore di un radioso arcobaleno dopo un violento temporale… Momenti di bellezza irripetibili e dilatabili solo nella memoria: perché il racconto non ne potrebbe mai restituire il profumo, il colore, quel colore così rosso e quel sapore così intenso di una ciliegia di marzapane.

L’intensità discende proprio dall’unicità dell’attimo e la bellezza irrompe e ci avvolge attraverso la consapevolezza della sua fragilità e della sua caducità. Goffredo Parise se n’era accorto componendo i Sillabari: “La poesia va e viene, vive e muore quando vuole lei, non quando vogliamo noi e non ha discendenti. Mi dispiace ma è così. Un poco come la vita, soprattutto come l’amore”.

L’improvvisa apparizione della morte fa risplendere di bellezza un istante: come nell’Arcadia di Nicolas Poussin il disvelamento del mistero ultimo accende l’incanto del paesaggio. L’uomo, che a differenza degli dèi e degli animali ha la morte davanti a sé, oppone a essa la bellezza, inseguendola, cercando vanamente di afferrarla, di imprigionarla; o di riprodurla con l’arte e la poesia.

Edmund Burke ne aveva tentato una definizione in termini fenomenologici e fisiologici: “Gli oggetti sublimi sono […] vasti nelle loro dimensioni, e quelli belli al confronto sono piccoli; se la bellezza deve essere liscia e levigata, la grandiosità è ruvida e trascurata; la bellezza deve evitare la linea retta, ma deviare da essa insensibilmente; la grandiosità in molti casi ama la linea retta, e quando se ne allontana compie spesso una forte deviazione; la bellezza non deve essere oscura, la grandiosità deve essere tetra e tenebrosa; la bellezza deve essere leggera e delicata, la grandiosità solida e perfino massiccia”.

Ma la forse la bellezza non è una qualità degli oggetti: forse risiede in quello stupore che ha la durata del battito di un ciglio.” (Marco Rinaldi)

SCARICA IL TESTO DI MARCO RINALDI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *