Lara Pacilio. Amuenp

“AMUENP” di Lara Pacilio
a cura di Maila Buglioni

Dal 3 al 17 luglio 2015

Un inedito intreccio tra arte visiva, teatro e musica contraddistingue la ricerca artistica di Lara Pacilio. L’essere umano, sua fonte inesauribile d’ispirazione, è inteso dall’artista come soggetto da investigare per esplorarne l’anima, i sentimenti e le emozioni provocate in particolari situazioni di disagio col fine di esternarle, renderle visibili attraverso differenti media artistici.

Il progetto presentato negli spazi di Interno 14 è un ciclo di lavori imperniati sul concetto di follia, intesa come quella pazzia latente e nascosta in ognuno di noi ovvero come squilibrio psichico appartenente al mondo contemporaneo. Un interesse, questo, scaturito grazie alla visita effettuata da Lara presso il manicomio di Volterra e successivamente accresciuto nel corso di una serie d’incontri effettuati presso il Santa Maria della Pietà di Roma.

In AMUENP le installazioni meccaniche evidenziano delicatamente tale tematica coinvolgendo l’osservatore in quanto strutture dotate di movimento proprio. Il loro statuto, a metà tra sculture e piccole scenografie mobili, è reso reale mediante la loro presentazione/riproduzione in immagini video. Nei corti elaborati performer, musicisti e location giocano un ruolo importante, contestualizzando le opere e facendo emergere con maggior chiarezza i concetti in esse insiti. Fondamentale per la Pacilio è l’elemento musicale, custodito nelle installazioni ed elaborato da Luca Nostro (chitarrista e compositore, prima chitarra elettrica del Parco della Musica Contemporanea Ensemble), poiché rende le sue opere vive, alla pari dei personaggi su cui esse sono plasmate. Interiorità, flussi emotivi e umori portati alla luce per essere ‘ri-vissuti’ in prima persona dal pubblico.

A ciò si aggiunge la serie dei ‘Padiglioni’, un corpus di lavori a metà tra scultura e installazione, realizzati da Lara con l’obiettivo ultimo di ricreare una sorta di ‘museo dei personaggi’, i cui protagonisti recitano ruoli a se stanti, senza la necessità d’interagire tra loro.

SCARICA IL CATALOGO DELLA MOSTRA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *