ON STAGE – Un progetto di Manuel Canelles tra Roma e Barcellona

ON STAGE è un progetto ideato da Manuel Canelles. 

Riflette sulla materia del linguaggio, sull’identità della percezione e sulla costruzione del percepito reale. Ciò che fruiamo non corrisponde necessariamente alla (nostra idea di) realtà. Elaborando una simulazione del piano filmico -linguaggio che di per se stesso è già frutto di un processo di illusione- il progetto indaga il rapporto tra realtà e la sua rappresentazione, esplorando –attraverso varie fasi di lavoro- il linguaggio come materia espressiva.

Che cosa ogni giorno siamo portati a credere? Siamo sicuri che ciò a cui ogni giorno diamo credito nei più svariati ambiti (politico, economico, personale) in realtà corrisponda a una scelta consapevole? O forse, piuttosto, il processo di costruzione della realtà è una delle massime forme di controllo? Per questo processo di finzione vengono impostati e utilizzati paradigmi per intercettare il nostro immaginario più primitivo. E questa non è solo la base della promozione e della pubblicità, ma è anche la coltura in cui cresce e si forma il processo artistico, che narra sempre l’ambiguità del confine tra realtà e rappresentazione, e del cinema, che più di tutti è il linguaggio artistico ideato per creare la finzione e ontologicamente un insieme preciso di stilemi propagandistici, riuscendo a trasformare una tematica, un’idea o persino un’ideologia in bisogno.

___________________

PROGETTO 

On stage si divide in tre fasi e l’esito del progetto è la realizzazione di un radiodramma, finalizzato alla scena ma scritto espressamente per essere fruito senza bisogno di alcun supporto visivo.

Nella prima fase, al fine di creare il linguaggio sonoro del radiodramma, il gruppo di lavoro si dedicherà alla costruzione della drammaturgia, decidendo la tematica e creando una sceneggiatura; nella seconda fase, di produzione, viene inscenata la finzione cinematografica: i dialoghi saranno inseriti in un sound design appositamente pensato per la finzione narrativa; la fase finale riguarda l’esposizione pubblica del progetto: mediante canali audio su cuffia, il fruitore è portato a credere che si tratti di parti di film realmente andati in onda. La fase finale sarà completata da una installazione che illustra tutto il percorso progettuale. 

SET / PERFORMANCE 

Il set di lavoro è composto dagli artisti partecipanti al progetto e dal pubblico della galleria, chiamato a partecipare alla stesura del trattamento cinematografico. Ogni fruitore/passante/spettatore avrà la possibilità di partecipare attivamente alla discussione o compilare sul momento un modulo/questionario interagendo personalmente con l’artista.

__________________

CRONOPROGRAMMA

Drammaturgia
INTERNO14 NEXT 
c/o Officine Nove – ROMA – (IT) 
18 – 21 GIUGNO 2019

Produzione
GALLERIA ESPRONCEDA. BARCELLONA (ES) 
17 – 27 LUGLIO 2019

Esposizione e presentazione
MACRO ROMA – in fase di definizione 
ISTITUZIONE PUBBLICA SPAGNOLA – in fase di definizione

PARTNER  
ESPRONCEDA – SPAGNA 
INTERNO 14 NEXT – ITALIA 
MACRO – MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA ROMA – ITALIA 
SHOWDESK – ITALIA 
OFFICINE NOVE – ITALIA

ARTIST: Manuel Canelles

CURATORI 
Curatore e supervisore per l’Italia: Roberta Melasecca 
Curatore per la Spagna: Ilaria Termolino
Curatore e supervisore per la Spagna: Savina Tarsitano
Osservazioni by Laura Safred, storica dell’arte

TEAM PROGETTO 
Silvia Morandi – performer 
Martina Ferraretto – fotografo

TEAM A ROMA 
Claudia Quintieri – artista e scrittrice
Marco Binotto – sociologo
Marco Angelini – artista e sociologo
Angela Giassi – regista
Barbara Lalle – performer
Marco Marassi – fotografo
Federica Zianni – scultrice
Fabrizio Nastari – musicista

 

REPORT TAPPA ROMA

INFO SU WWW.ONSTAGEPROJECT.EU

Projects

Cari amici, 

in questa sezione troverete tra breve tutti i progetti che saranno selezionati da Interno 14 next.

Interno 14 ha subito da alcuni mesi molti cambiamenti e tanti altri ne affronterà nel prossimo futuro.

Qualunque cosa succeda e qualunque sia il destino, Interno 14 next vuole cominciare una nuova era, the next habitat, con un progetto ed una idea ben precisa.

Interno 14 next vuole essere un luogo di confronto e di studio, un luogo delle idee, un luogo di progettualità e di ricerca.

Un luogo dove al centro ci saranno i processi e ci saremo noi, che di arte viviamo, respiriamo.

Un luogo vivo e creativo dove dare spazio al mondo di ognuno di noi.

Roberta Melasecca